Agevolazioni Tari, silenzio su graduatorie precedenti e nuovo bando: Gioveni chiede spiegazioni all'Amministrazione

Congelate le istanze per ottenere riduzioni ed esenzioni per gli anni 2017 e 2018 e nessuna traccia per le richieste 2019-20. Il consigliere comunale pretende chiarezza

Libero Gioveni

Nonostante sia già stato approvato da tempo il Bilancio di Previsione 2020 per dare via alle nuove istanze Tari, non si hanno notizie  sulle graduatorie per gli anni 2017 e 2018 e sul nuovo bando per gli anni 2019 e 2020. A denunciare la paradossale situazione il consigliere comunale Libero Gioveni che si chiede perché risultino ancora congelate le istanze presentate l'anno scorso e perchè ci siano ritardi anche per le nuove richieste. 

"Si potrà ben comprendere - scrive il consigliere nella nota indirizzata all'Amministrazione comunale per avere risposte in merito-come questo stato di incertezza e di inspiegabile enorme ritardo, non metta in condizione gli aventi diritto di sapere se potranno e dovranno quest’anno pagare le rate (men che meno l’anno ormai passato), nonostante la recente moratoria che ha fatto slittare al prossimo 16 settembre il termine ultimo per il pagamento senza dover incorrere a sanzioni ed interessi".

Il dubbio di Gioveni è che la mancata redazione e la conseguente pubblicazione delle graduatorie potrebbe essere legata al fatto che lo scorso anno l’ex dirigente del Dipartimento servizi sociali, in maniera del tutto autonoma, pubblicò l’avviso pubblico per le esenzioni e riduzioni Tari senza fare il necessario passaggio in Consiglio Comunale per l’approvazione della delibera, come invece avveniva puntualmente e abitualmente negli anni precedenti.

"Se così fosse e mi auguro che non sia affatto questo il motivo- conclude Gioveni- risulta facile immaginare il verificarsi non soltanto di una autentica beffa per gli aventi diritto che chissà ancora per quanto tempo ancora non riuscirebbero a leggere i propri nomi nelle graduatorie, ma anche e soprattutto un danno erariale per l’Ente che di fatto non avrebbe incassato una potenziale entrata!"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: tutta la Sicilia sarà "zona rossa", 380 casi a Messina e 3 decessi

  • Messina zona rossa, dietrofront del sindaco: “Revoco l'ordinanza, nessuna collaborazione sui rifiuti speciali”

  • Zona rossa alla De Luca dal 18 al 28 gennaio, la nuova ordinanza: sospeso l'asporto e chiuse le scuole

  • Messina zona rossa, da venerdì ulteriori restrizioni per negozi e servizi

  • "L'ordinanza non sarà modificata", la Musolino risponde anche su barbieri e mercati che rischiano sanzioni

  • Insulti su fb per il cacciatore morto, Rizzo: "Troppa cattiveria, siamo vicini alla famiglia"

Torna su
MessinaToday è in caricamento