Politica

Colli invasi dalla spazzatura, M5stelle: “Basta interventi spot. Servono programmazione e prevenzione a tutela dell’ambiente”

I consiglieri comunali chiedono una relazione dettagliata degli interventi di raccolta rifiuti da parte della MessinaServizi: “Una situazione di degrado che si protrae da mesi”. Fra le richieste anche l’utilizzo degli ispettori ambientali comunali e la loro distribuzione sul territorio

Una relazione dettagliata degli interventi di raccolta rifiuti da parte della MessinaServizi Bene Comune sui Colli San Rizzo. A chiederla, in un’interrogazione urgente rivolta al sindaco Cateno De Luca, all’assessore Dafne Musolino e al presidente della società Giuseppe Lombardo, sono i consiglieri comunali del M5s, che mettono in evidenza lo stato di degrado in cui versano le colline cittadine: un patrimonio boschivo da salvaguardare e valorizzare che da tempo è deturpato da grossi cumuli di immondizia e materiale non biodegradabile, con relative e gravissime conseguenze sull’ambiente, la flora e la fauna. 

«Una situazione – commentano Fusco, Mangano, Argento e Cannistrà, che di recente hanno presentato un’ulteriore interrogazione sul “servizi di spazzamento combinato e/o meccanico”, rimasta senza riscontro - determinata innanzitutto dall’inciviltà di tanti cittadini privi di senso civico, ma anche dalla totale mancanza di programmazione, prevenzione e protezione delle aree, proprio come avviene in altre zone della città, dove proliferano blatte e topi. Da maggio ad ora,  sono tantissime le segnalazioni che abbiamo ricevuto sulle condizioni di sporcizia sui Colli, e di certo non sono sufficienti né accettabili degli interventi estemporanei, a mo’ di “spot” sui social, come quello di qualche giorno fa, per risolvere una criticità nota ormai da tempo a cui non si è posto rimedio per mesi e mesi, con tutto ciò che ne consegue per la tutela dell’ecosistema». 

Sotto i riflettori del M5s anche il ruolo degli Ispettori volontari: «È trascorso ormai un anno dall’avviso di manifestazione d’interesse per la partecipazione al corso di formazione per “ispettore ambientale comunale volontario”: un incarico  gratuito da svolgere a seguito di un corso di formazione della durata di 20 ore organizzato dal Comune. Alla luce della situazione attuale è lecito chiedersi come vengono utilizzati e qual è la loro distribuzione sul territorio cittadino», concludono i consiglieri, che chiedono anche in questo caso un report dettagliato e dei chiarimenti su come l’Amministrazione intenda gestire la raccolta dei rifiuti sul Colli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colli invasi dalla spazzatura, M5stelle: “Basta interventi spot. Servono programmazione e prevenzione a tutela dell’ambiente”

MessinaToday è in caricamento