Atm, lo stop alla Ztl è costato finora 490mila euro: risarcirà il Comune

Gli effetti sui guadagni dell'azienda dopo l'abolizione del pagamento dei parcheggi sulle strisce blu. Intanto l'azienda trasporti annuncia l'imminente rivoluzione digitale: paline interattive e biglietti elettronici a inizio 2021

Si aggira intorno ai 490mila euro la perdita nella casse di Atm Spa dopo l'abolizione della sosta a pagamento disposta dall'amministrazione comunale la scorsa primavera. Questo il dato che l'azienda di via La Farina ha reso noto prima di chiudere il bilancio di un 2020 che ha creato non poche difficoltà anche nel settore del trasporto pubblico locale. Ma sarà Palazzo Zanca a metterci una pezza, rimborsando di fatto l'Atm per i mancati guadagni. 

Bus bloccati dalla sosta selvaggia e autisti minacciati se chiamano i vigili urbani

Il coronavirus ha intanto costretto l'azienda a rivedere interamente i propri servizi. Bus e tram con capienza ridotta, distanziamento sociale e obbligo di mascherina a bordo. Questi i tre obblighi da rispettare. "Stiamo andando bene dopo un comprensibile periodo di assestamento - spiega il presidente Giuseppe Campagna - nelle ultime settimane le linee più affollate sono servite dai bus di 18 metri. Invece di mettere il personale in cassa integrazione abbiamo deciso com'è noto di impiegare i dipendenti nei servizi di controlleria a bordo, incentivando quindi l'acquisto dei biglietti. Devo dire che la gente sta iniziando ad abituarsi ad utilizzare il mezzo pubblico nel rispetto di tutte le regole per evitare il contagio".

Atm ha dovuto fare i conti anche con un paradosso. "La Regione - precisa Campagna - non ha rinnovato l'ordinanza sul distanziamento sociale nei mezzi, ma resta in vigore l'obbligo di non poterli riempire oltre il 50%. E' un controsenso".

Nel 2021 la svolta digitale di Atm

Atm Spa guarda anche al futuro. Il prossimo anno infatti avverrà una vera e propria svolta digitale che renderà più smart i mezzi pubblici, ottimizzando al contempo il servizio. E' in fase di aggiudicazione, infatti, la gara per una nuova infomobilità. Terminato l'iter burocratico, l'azienda trasporti potrà così compiere un salto in avanti, colmando lacune decennali.  Il progetto è cofinanziato dal Pon Città Metropolitane 2014-2020 per un importo complessivo di 1.820.000,00 euro oltre 330.000,00 euro a valere sui fondi comunali.

"Agiremo su tre lotti distinti - afferma Campagna - e rivoluzionerà tutti i nostri servizi. Per prima cosa verranno installate dei pannelli luminosi nei principali capolinea, i viaggiatori potranno così consultare orari e percorsi delle linee. Nelle fermate principali verranno allestite paline elettroniche mentre le altre saranno dotate di tabelle normali. Le novità riguardano anche bus e tram con l'entrata in esercizio di un sistema elettronico che monitorerà ogni mezzo, sarà il computer a comunicarci tutti i dati utili a migliorare il servizio, intervenendo in tempo reale".

Atm punta poi alla bigliettazione elettronica. "Il nostro obiettivo - conclude il presidente - prevede la progressiva eliminazione dei titoli di viaggio cartacei in favore di app e pagamenti in digitale. Naturalmente anche le rivendite riceveranno gli strumenti per ricaricare abbonamenti e card che danno diritto a viaggiare sui nostri mezzi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donne contro le donne, esplode il caso delle vignette "scandalose" di Lelio Bonaccorso

  • Covid, è morto il sindacalista Santino Paladino

  • Stroncato da un malore mentre consegna la frutta a un cliente, muore il titolare di una azienda

  • Messa della vigilia di Natale alle 20, cenoni e tombolate con parenti "ristretti": prime anticipazioni sul Dpcm delle feste

  • Coronavirus, due i casi a Messina con la sindrome di Kawasaki

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento