Cronaca

Il mistero del cacciatore morto a Mandanici, nasce un gruppo facebook a sostegno della vedova

Antonella Zuccarello ha presentato istanza in procura chiedendo verità e giustizia per il marito vittima per la procura di un incidente. Il caso rimesso in discussione da recenti perizie

Antonella Zuccarello con il marito

Si chiama “Forza Antonella”. E’ il gruppo facebook nato per sostenere la battaglia di Antonina Zuccarello, la donna che ormai da tre anni chiede di conoscere la verità sulla morte del marito.

Una battaglia composta e silenziosa, salita agli onori della cronaca nell’ultimo mese, quando Antonella ha deciso di condividere i suoi dubbi anche con MessinaToday e a “Chi l’ha visto”, storico programma di Rai 3.

VIDEO | Morto durante una battuta di caccia, la moglie chiede di riesumare il cavadere: “Voglio la verità”

La donna chiede di riesumare il cadavere e riaprire le indagini che hanno “archiviato” come incidente il decesso del marito avvenuto all’alba del 23 novembre 2017 durante una battuta di caccia nei boschi di Mandanici.

Giuseppe Mastroeni, originario di Antillo, aveva 52 anni. Per i carabinieri è stato ucciso da un masso staccatosi dal costone roccioso. Una tragica fatalità che è stata messa in discussione dalle scioccanti rivelazioni di un testimone che dieci mesi dopo l’accaduto si è presentato da lei raccontando che alle 8.45 di quella mattina ha assistito ad un litigio tra Mastroeni e i tre compagni e che poi uno di loro lo ha spinto nel dirupo: “Te l’hanno ammazzato” le dice. Poi racconta la sua versione anche ai carabinieri ma la Procura non ha ritenuto attendibile questa ricostruzione.

Ora però ci sono altri elementi che assestano un duro colpo alle prime ricostruzioni dei fatti. Sono quelle del medico legale Giovanni Andò e dell'ingegnere Rodolfo Urbani che grazie alla sua dimestichezza con google eath, ha documentato come quel masso indicato come killer del povero Giuseppe in realtà non poteva essersi staccato quel giorno della morte in quanto mancava già dal 5 agosto del 2016, ben oltre un anno prima.

La relazione è stata depositata dalla famiglia che tramite l’avvocato Alessandra Delrio adesso chiede verità e giustizia, riesumando il corpo per capire di cosa e come è effettivamente morto Giuseppe Mastroeni e fare finalmente giustizia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mistero del cacciatore morto a Mandanici, nasce un gruppo facebook a sostegno della vedova

MessinaToday è in caricamento