rotate-mobile
Cronaca

Va in soffitta il Piano di Riequilibrio De Luca, il commissario ne presenterà un altro

Leonardo Santoro ha deciso di avvalersi delle norme del decreto milleproroghe per avere altri mesi di tempo e consegnerà nuovi atti rispetto alla manovra dell'ex giunta. Per il presidente della commissione Bilancio Rizzo: "Altro che città salva"

La comunicazione del commissario del Comune Leonardo Santoro è stata trasmessa alla Corte dei Conti e alla commissione Stabilità degli Enti Locali. Il funzionario non intende seguire l'ultimo Piano di Riequilibrio approvato dall'ex giunta De Luca ma non arrivato in Consiglio comunale ma avvalersi del decreto milleproroghe che prevede la possibilità di presentarne un altro prendendo altro tempo sul rischio che Palazzo Zanca vada in dissesto economico-finanziario. "Continua il gioco dell'oca - ha scritto il presidente della commissione Bilancio del Consiglio Massimo Rizzo - altro che la città è salva".

Nota della Corte dei Conti al Comune: "120 giorni di tempo"

L'ex primo cittadino l'otto febbraio scorso dopo l'udienza presso la Corte dei Conti sul nuovo Piano di riequilibrio aveva annunciato in lacrime la presentazione del documento parlando di apprezzamento dei giudici contabili. La Corte aveva accolto la richiesta in attesa di valutare tutta la documentazione. Ma quell'atto non è mai giunto in Consiglio comunale e adesso non giungerà mai visto che Santoro ha deciso di farne uno nuovo di zecca. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Va in soffitta il Piano di Riequilibrio De Luca, il commissario ne presenterà un altro

MessinaToday è in caricamento