Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Garante per l'Infanzia, il Kiwanis tende una mano: “Presto il sito istituzionale”

Ospite negli uffici di giustizia ma ancora senza neanche una email dedicata. L'Sos raccolto al convegno sull'autismo. Che ha dettato le emergenze: lunghe liste d'attesa per la riabilitazione e la necessità di un centro diurno

Già a Natale Kiwanis Zancle avevano sostenuto con un concerto la realizzazione di una stanza multisensoriale Neuropsichiatria Infantile dell’ex Mandalari per aiutare i bimbi con lo spettro autistico. Oggi l'impegno del Kiwanis Peloro sull'autismo, tema che sta a cuore a tante famiglie che ancora non possono però contare neanche su una diagnosi e trattamento precoce del disturbo.

Lo ha evidenziato il professore Tortorella, già direttore della Neuropsichiatria infantile del Policlinico di Messina, che oggi - al convegno che si è svolto al Salone delle Bandiere organizzato da Kiwanis Peloro sull’autismo -  ha snocciolato cifre importanti: un bambino su 73 soffre di disturbo dello spettro autistico ed è fondamentale cogliere presto i primi segni, i campanelli d'allarme che vanno attenzionati per effettuare una diagnosi precoce.

Ma lo ha detto a chiare lettere anche il Garante dell'Infanzia Fabio Costantino all'incontro, fortemente voluto dal presidente Kiwanis Peloro Agata Rinciari con la delegata Teresa Crisafulli, concentrandosi sulla necessità di effettuare una diagnosi ed un trattamento precoce del disturbo dello spettro autistico e su alcuni aspetti, questi sì malati, della burocrazia. 

Il Garante ha segnalato come ancora siano lunghe le liste d’attesa presso i centri di riabilitazione. In città si attende anche due anni prima di essere presi in carico da un centro di riabilitazione mentre il trattamento precoce ed intensivo è l’unica strada per fare uscire più bambini possibili dal tunnel dell’autismo. Costantino ha insistito sulla necessità di istituire un centro diurno sul territorio cittadino ed ha segnalato anche le difficoltà stesse dell'Ufficio del Garante ad operare. La figura istituita dal Comune di Messina, che ha già prodotto una protocollo d'intesa con tutti gli enti  interessati a vario titolo alla tutela dei minori - dal Tribunale ai servizi sociali - è stata a lungo senza sede ed è ora “ospite” nella sede del tribunale dei Minori ma non ha personale che coadiuva l'ufficio nell'organizzazione trasformando in imprese il raggiungimento di obiettivi che non possono più essere rimandati.

Un Sos accolto dal Kiwanis, a cominciare dal presidente di Kiwanis Messina Zancle Pietro Luccisano col luogotenente Alfredo Buttafarro, che si sono impegnati a raggiungere l'obiettivo. In particolare il Kiwanis, in tutte le sue componenti, valuterà la possibilità di donare all’autorita garante della città di Messina il sito istituzionale con mail dedicata. “Non posso che essere felice di questa iniziativa - spiega Fabio Costantino - che contribuirà ad organizzare meglio l’ufficio da me rappresentato affinché si possano tutelare al meglio i diritti dei bambini. Non mi sorprende più la generosità della città che di fronte ai bambini non si tira mai indietro”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Garante per l'Infanzia, il Kiwanis tende una mano: “Presto il sito istituzionale”

MessinaToday è in caricamento