rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Cronaca

Classi dimezzate, dad e contagi: l'effetto Covid sulle scuole messinesi

La situazione ad una settimana dalla riapertura degli istituti. L'intervento del consigliere del quinto quartiere Franco Laimo per uno screening di massa: "Aria surreale, c'è chi ancora lascia i propri figli a casa per paura"

Contagi, classi dimezzate, dad e timore di mandare i propri figli a scuola. Questo il bilancio della prima settimana di lezioni in diversi istituti messinesi dopo la lunga pausa natalizia. Il Covid continua a penalizzare la normale attività didattica di docenti e alunni. A raccogliere il disagio di tanti genitori è anche il consigliere della quinta circoscrizione Franco Laimo mentre il personale scolastico cerca di tenere duro per non compromettere le lezioni.

Da qui la richiesta di Laimo affinchè l'amministrazione comunale trovi una soluzione. Secondo l'esponente politico  si respira un'aria surreale. "Al fine di limitare ulteriormente il dilagare di possibili contagi (ricordiamo in un momento in cui Messina registrava numeri da record di positivi), già prima del rientro in classe dalle vacanze occorreva fare un vero e proprio screening di massa certificato, mediante  tamponi, e test salivari per i più piccoli discenti, al fine di rendere ancora più sicura la scuola stessa, con sanificazione degli ambienti scolastici settimanalmente. Occorre inoltre considerare che con tutta la buona volontà e l'attuazione di tutti i protocolli e le dovute regole ministeriali, la scuola è composta su larga scala, che va dall'asilo/ infanzia fino alle classi superiori, ed è semplice comprendere come sia difficile mantenere le distanze fra bambini di 3 o 4 anni, che hanno già troppo patito la non socializzazione fra compagnetti".

Laimo, che evidenzia quanto sia importante la scuola in presenza per svariati fattori, (ma in assoluta sicurezza), ha già scritto all'amministrazione comunale, affinché possa farsi portavoce di tale iniziativa, attuando una vera campagna di sensibilizzazione, sottolineando, prosegue, al tempo stesso che tali controlli debbano essere effettuati nell'assoluta gratuità, sia per gli studenti che per il personale scolastico, che siano vaccinati o non vaccinati senza alcuna distinzione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Classi dimezzate, dad e contagi: l'effetto Covid sulle scuole messinesi

MessinaToday è in caricamento