Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca

Esodo dal nord, monta la protesta: Siclari chiama in causa anche le compagnie di navigazione

Il senatore calabrese: “Chiedo di attivare la sola biglietteria online ad esaurimento, previa compilazione dell'autocertificazione che attesti il motivo di necessità del viaggio”. Siracusano: “Conte? Per la seconda volta un errore criminale”

"Gli arrivi di questa notte a Messina hanno indignato, e giustamente preoccupato, ognuno di noi - spiega  all'Adnkronos - In queste ultime ore ci è stata assicurata una presenza maggiore delle forze dell'ordine e, da quello che mi hanno riferito, parecchie delle auto non sono state fatte traghettare". 

"Non ci siamo, questo non è un modo serio di affrontare l'emergenza - attacca anche il  il segretario regionale della Lega in Sicilia, Stefano Candiani. - Dai provvedimenti e dai buoni propositi, bisogna adesso passare all'azione, alla gestione dell'emergenza sul territorio con provvedimenti sensati, controlli rigidi e grande senso di responsabilità a tutti i livelli. C'è una irresponsabilità diffusa - continua Candiani - come dimostrano il flusso di auto verso la Sicilia rilevato sullo stretto di Messina o ancora i focolai scoppiati a causa di comportamenti sconsiderati di soggetti rientrati dalle zone con altissimo numero di contagi. Serve rinforzare la macchina dei controlli per impedire una diffusione inarrestabile dell'epidemia nell'Isola. Allo stesso modo - aggiunge il segretario della Lega in Sicilia - riteniamo inaccettabile che davanti ai supermercati e agli alimentari si formino costantemente assembramenti di persone in attesa di entrare. Non ha senso chiudere i parchi e poi trovare cinquanta persone davanti all'ingresso di un supermercato, e non è  neppure umano sottoporre le persone a file estenuanti anche di due, tre ore. Sotto questo aspetto le restrizioni sull'apertura di supermercati e alimentari adottate in questi giorni ci lasciano perplessi anche alla luce di quanto è accaduto tra venerdi' e sabato; chiediamo al governatore Musumeci di rivederle al più presto in direzione opposta, ovvero attraverso un coordinamento con la grande distribuzione, che per senso di responsabilità non dubitiamo vorrà collaborare, al fine di garantire la piu' ampia apertura di orari, in modo da ridurre la concentrazione di persone. Occorrono scelte che mirino a tutelare il personale attraverso misure di sicurezza, per tutti, per i cittadini che hanno bisogno di approvvigionarsi e per i lavoratori interessati che necessitano di adeguato riposo e turnazione".

Duro anche il commento della parlamentare nazionale di Forza Italia, la messinese, Matilde Siracusano: "Grazie Presidente Conte per l'effetto delle sue meravigliose conferenze stampa show a mezzanotte! Grazie Presidente Conte perché ha dimostrato di avere a cuore le sorti della Sicilia e dei suoi ospedali che non potranno gestire l'emergenza come quelli del nord!.  Grazie Presidente Conte - aggiunge- perché mentre invoca la collaborazione di tutti e stigmatizza le polemiche, si permette di fare per la seconda volta lo stesso errore criminale!".

Biglietto on line e solo con certificazione

Una protesta che investe anche le compagnie di navigazione dove è ancora possibile fare biglietto, scontisca compresa. "Chiedo ufficialmente alle compagnie di navigazione che operano nel settore dell'attraversamento dello Stretto di Messina di continuare a collaborare in questo periodo di emergenza sanitaria -  scrive il senatore calabrese di Forza Italia Marco Siclari  così come hanno già fatto con la riduzione del numero delle corse, introducendo la biglietteria online ad esaurimento per evitare assembramenti e code che si registrano da quando si è verificata la riduzione delle corse stesse". E aggiunge: "Considerata la necessità di rispettare le ordinanze dei presidenti della Regione Sicilia e Calabria che prevedono la riduzione del numero degli ingressi (solo per necessità) nelle rispettive regioni, chiedo alle società di navigazione pubbliche e private di attivare la sola biglietteria online ad esaurimento, previa compilazione dell'autocertificazione che attesti il motivo di necessità del viaggio". Nell'ultimo giorno si sono verificate lunghe code a Villa San Giovanni (Reggio Calabria) agli imbarchi verso la Sicilia.

Preoccupato anche segretario generale della UIltrasporti Messina Michele Barresi: “Quella nave e quel treno sono e restano “potenziali bombe sanitarie” per i tanti lavoratori impegnati e per tutti i cittadini siciliani chiamati a fare sforzi e sacrifici enormi per contenere il contagio. I prefetti di Reggio Calabria e Messina  chiedano al Ministero urgentemente l’applicazione in maniera stringente dell’articolo 1 del Decreto 22 marzo di Ministero della Salute e dell’Interno dove si vietano gli spostamenti da un comune all’altro. Ieri sulla nave da Villa ci risultano autovetture cariche di bagagli e persino un camper - conclude la UIltrasporti- spostamenti apparente non certo legati a motivi di lavoro o sanitari, quindi si valuti di sospendere , tranne che per sanitari e forze dell’ordine - ogni forma di traghettamento di passeggeri su gomma lasciando il transito merci e di interrompere per almeno sette giorni  il trasporto ferroviario in entrata per la  Sicilia”.

Navarra e De Domencio: utilizziamo gli alberghi

Anche secondo gli onorevoli Franco De Domenico e Pietro Navarra occorre massima allerta e che siano rispettate le regole “Chi non è autorizzato non deve attraversare lo Stretto. Qualora ci siano soggetti diversi dai pendolari, regolarmente autorizzati ci si dovrà porre il problema di come evitare, una volta rientrati nel territorio siciliano, che possano ulteriormente aggravare la situazione di contagio. Riteniamo che l’unico modo – propongono -  sia quello di utilizzare gli alberghi, in questo momento chiusi, gli istituti religiosi con posti letto non utilizzati, e quant’altro di utile e metterli in quarantena, una volta accertato che non sono stati contagiati dal virus, permettergli di rientrare nelle loro famiglie”.

articolo aggiornato il 23 marzo alle 13.15 // aggiunta proposta De Domenico e Navarra

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esodo dal nord, monta la protesta: Siclari chiama in causa anche le compagnie di navigazione

MessinaToday è in caricamento