Cronaca

Mafia sui Nebrodi, torna libero il sindaco di Tortorici

Revocata la misura cautelare nei confronti di Emanuele Galati Sardo. Era ai domiciliari nella sua qualità di operatore Caa, con l'accusa di aver agevolato la commissione di truffe ai danni della Agea inoltrato diverse domande di aiuti comunitari

Emanuele Galati Sardo

Revocata la misura cautelare nei confronti del sindaco di Tortorici, Galati Sardo Emanuele. Galati, che si trovava agli arresti domiciliari dalla mattina del 15 gennaio, è contestato di aver agevolato la commissione di truffe ai danni della Agea, per aver inoltrato diverse domande di aiuti comunitari attraverso il Caa di cui è operatore. Nel corso dell’interrogatorio di garanzia, il Galati ha chiarito la propria posizione, documentando la risalente interruzione di ogni rapporto professionale con i titolari delle aziende agricole coinvolte nella indagine.  

“Allo stato - spiega il legale Nino Favazzo -  i chiarimenti offerti hanno convinto il Giudice circa la assenza di esigenze cautelari. Si tratta di un primo importante risultato, cui farà seguito, nel prosieguo delle indagini, ogni necessario chiarimento volto a dimostrare la linearità delle condotte tenute e la totale estraneità del Galati rispetto ai fatti gli sono stati contestati.  Mi sembra doveroso precisare che si tratta di condotte assolutamente marginali anche rispetto alla attività professionale di agromo dallo stesso svolta - continua il legale - e che, in ogni caso, nulla hanno a che vedere con la carica elettiva pubblica ricoperta dal mio assistito. Su questo fronte, come auspicato dal Gip, ancora maggiore sarà l’impegno a fianco del tessuto sano ed onesto di una popolazione operosa, che ha diritto al riscatto e a progredire”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia sui Nebrodi, torna libero il sindaco di Tortorici

MessinaToday è in caricamento