rotate-mobile
Cronaca

Matteo Messina Denaro trasferito in Abruzzo, sarà detenuto a L'Aquila

Il padrino di Castelvetrano è sbarcato ieri sera con un elicottero militare all'aeroporto di Pescara. La struttura di massima sicurezza ospita molti personaggi di spicco del mondo malavitoso

Matteo Messina Denaro è sbarcato ieri sera - a bordo del C-130 dell'Aeronautica - all'aeroporto di Pescara e potrebbe essere trasferito nel carcere dell'Aquila. Secondo l'Adnkronos, che cita fonti investigative, il boss avrebbe anzi già trascorso la prima notte al 41 bis. La scelta sarebbe ricaduta sul carcere de L'Aquila per diverse ragioni: si tratta in effetti di una struttura di massima sicurezza che ha già ospitato personaggi di spicco del mondo malavitoso: tra questi Leoluca Bagarella, Raffaele Cutolo della nuova camorra organizzata, Francesco Schiavone del clan dei Casalesi e Felice Maniero della cosiddetta Mala del Brenta. A L'Aquila sono ancora reclusi molti nomi di spicco di Cosa nostra, 'Ndrangheta e Camorra, nonché ex terroristi rossi come Nadia Desdemona Lioce delle nuove Br.

Si tratta di un carcere adibito principalmente al regime carcerario previsto dall'articolo 41 bis. L'istituto ha una capienza tollerabile di 300 detenuti (ma ne ospita meno di 200) e già dal 1996 è stato adibito quasi interamente alla custodia di detenuti sottoposti a particolari regimi di sicurezza che alloggiano in celle singole.

La scelta sarebbe ricaduta su L'Aquila anche perché c'è un buon reparto di medicina oncologica e il boss, malato di tumore, potrà continuare a seguire le cure. Anche la vicinanza con Roma avrebbe giocato un ruolo nella decisione di trasferire il capo storico di Cosa nostra nel penitenziario abruzzese.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matteo Messina Denaro trasferito in Abruzzo, sarà detenuto a L'Aquila

MessinaToday è in caricamento