rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Cronaca Taormina

Appalto al colosso sanitario per la cardiochirurgia pediatrica, esplode la guerra tra Palermo e Taormina

I dubbi della Uil sull'affidamento al San Donato che potrebbe tagliare fuori dalla rete ospedaliera l'Unità Operativa al San Vincenzo convenzionata con l'ospedale Bambino Gesù di Roma. Chiesto il confronto con Schifani: "La provincia di Messina non merita ulteriori scippi o nuove ingiuste penalizzazioni"

Otto milioni di euro al San Donato per tre anni, con la possibilità di un ulteriore rinnovo di 24 mesi. L’appalto al colosso sanitario guidato da Angelino Alfano per gestire la cardiochirurgia pediatrica del Civico di Palermo non è andato già alla Uil di Messina e ha riacceso la disputa tra Palermo e la cardiochirurgia pediatrica di Taormina che rischierebbe così di essere tagliata fuori dalla rete ospedaliera.

A scendere in campo Ivan Tripodi, segretario generale Uil Messina, Livio Andronico, segretario generale Uil Fpl Messina, e Corrado Lamanna, pesponsabile Area Medica Uil Fpl con una nota che chiama in causa il presidente della Regione Renato Schifani.

“Abbiamo appreso che il nuovo governatore ha stipulato un contratto per l'affidamento triennale del servizio di assistenza medica, infermieristica e consulenza medica specialistica alla nuova Unità operativa complessa di cardiochirurgia pediatrica dell'Arnas Civico-Di Cristina-Benfratelli di Palermo, affidando il servizio al Policlinico San Donato di Milano - scrivono - Appare davvero sorprendente, che un atto di così importante ed invasiva rilevanza che impegna la nostra regione per ben tre anni sia stato stipulato in mancanza di modifiche dell’attuale Rete Ospedaliera. Al netto di qualsivoglia valutazione è opportuno evidenziare all’attenzione del presidente Schifani che, allo stato, presso il presidio ospedaliero San Vincenzo di Taormina è allocata l'importantissima Unità Operativa di cardiochirurgia pediatrica convenzionata con l'ospedale Bambino Gesù di Roma. In tal senso, è fondamentale rammentare che la chirurgia pediatrica di Taormina è formalmente prevista dalla vigente Rete Ospedaliera Siciliana e, inoltre, certamente non sfuggirà all'attenzione del neo-presidente della Regione che il decreto Balduzzi prevede la presenza di una cardiochirurgia pediatrica per ogni 5.000.000 di abitanti, vale a dire un po' di più di tutti gli attuali abitanti siciliani. Pertanto, la nuova apertura della chirurgia pediatrica a Palermo potrebbe provocare, sic et simpliciter, la chiusura della cardiochirurgia pediatrica del presidio ospedaliero di Taormina: un’ipotesi sciagurata che respingiamo con forza”.

La uil ricorda che la cardiochirurgia pediatrica di Taormina rappresenta "un fiore all’occhiello ed è un’eccellenza sanitaria riconosciuta ad ogni livello poiché, fra l’altro, assicura prestazioni sanitarie e cure di altissimo livello ad un enorme bacino di utenza proveniente da tutta la Sicilia, dalla vicina Calabria e da molte realtà del Mezzogiorno. Vengono trattati pazienti con una fascia di età che va dai 0 anni fino all'età adolescenziale attraverso sedute di interventistica che coinvolgono anche gli specialisti in emodinamica che hanno permesso il raggiungimento di una casistica di altissimo livello".

"Questi brillanti risultati - scrivono - sono stati ottenuti grazie alle équipes composte dai professionisti dell’ospedale Bambino Gesù, nonché dal personale dipendente dell'Asp di Messina: medici, infermieri, oss, ausiliari e tecnici sanitari che, nel tempo, hanno garantito prestazioni di eccellenza, maturando una elevatissima e riconosciuta professionalità in tale settore” hanno proseguito i sindacalisti della Uil”.

La Uil e la Uil Fpl di Messina sono convinti che sulla sanità messinese è indispensabile un’attenzione particolare in maniera tale da risarcire un territorio pesantemente penalizzato da scelte politiche sbagliate e nefaste che si sono susseguite da qualche decennio a questa parte.

"La provincia di Messina non merita ulteriori scippi o nuove ingiuste penalizzazioni. Auspichiamo che il presidente Schifani apra un confronto con il nostro territorio e, in primo luogo, dica con estrema chiarezza che la decisione di qualche giorno fa non rappresenta il preludio allo smantellamento e alla chiusura della cardiochirurgia pediatrica di Taormina. In queste ore le preoccupazioni sul futuro della cardiochirurgia pediatrica di Taormina sono enormi ed altrettanto seri sono i rischi che le formidabili professionalità presenti in quella struttura vengano disperse per avvantaggiare, ancora una volta, soggetti privati a completo danno e discapito dei cittadini utenti. E’ del tutto ovvio che, in mancanza di parole chiare e di impegni precisi su questa dirimente vicenda, avvieremo tutta una serie di iniziative di mobilitazione per difendere sia la cardiochirurgia pediatrica di Taormina che la sanità pubblica dalle ingerenze dei privati” hanno così concluso i sindacalisti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appalto al colosso sanitario per la cardiochirurgia pediatrica, esplode la guerra tra Palermo e Taormina

MessinaToday è in caricamento