Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Stretto, l'odissea dei medici pendolari: "poche navi, biglietti costosi e sanzioni per chi non rispetta gli orari"

Lo sfogo dei professionisti che ogni giorno fanno la spola tra Messina e la Calabria. L'Ordine dei Medici scrive alle istituzioni e agli armatori privati. "Tolleranza per chi conduce una vita drammatica"

Continuano i disagi per i pendolari dello Stretto a causa delle disposizioni anti-coronavirus.

Dopo l'appello dei sindacati per aumentare il numero dei traghetti, arriva lo sfogo del personale sanitario che ogni giorno fa la spola tra Messina e la Calabria. E' direttamente l'Ordine dei Medici ad intervenire sui disagi patiti dai professionisti, con una lettera indirizzata al governatore Nello Musumeci, al sindaco Cateno De Luca e agli armatori privati.

"I turni nelle strutture ospedaliere - precisa il presidente dell'Ordine Giacomo Caudo -  sono più stancanti di prima, in alcuni casi e nei reparti dedicati al coronavirus si possono definire massacranti, soprattutto per chi deve indossare tutto il giorno dispositivi di protezione, spogliarsi, rivestirsi e affrontare difficoltà finora in parte sconosciute. Premesso il massimo apprezzamento nei confronti del sistema da voi ideato di controllo e vigilanza dell'attraversamento, mi preme appellarmi alle vostre sensibilità per accendere i riflettori e risolvere alcune questioni legate all'attraversamento nello Stretto di Messina, riscontrate grazie a segnalazioni e contestazioni che ci sono pervenute in questi giorni da numerosi iscritti".

Secondo quanto riportato da Caudo molti medici sarebbero costretti a ore di fila per rientrare a casa, tempo che si aggiunge ai turni che spesso arrivano a 12 ore. Spesso, infatti, le quattro navi in servizio hanno orari incompatibili. "Ne servirebbero almeno sei", aggiunge il rappresentante di medici e odontoiatri.

Caudo chiede inoltre un canale preferenziale per i medici per l'imbarco e sottolinea l'alto costo dei biglietti per traghettare. "I medici sono costretti a pagare esosi ticket giornalieri (alcuni ci hanno mandato persino le ricevute); inoltre devono scendere dall'auto e recarsi in biglietteria rischiando ulteriormente il contagio. Bisognerebbe prevedere l'acquisto facendoli rimanere a bordo e una convenzione sui prezzi o, meglio ancora, un'esenzione a carico delle rispettive Regioni finché perdura l'emergenza".

In alcuni casi i professionisti sarebbero stati multati per essersi imbarcati a distanza di ore dalla fine del turno o per non aver vidimato i biglietti. "Chiediamo una tolleranza - conclude Caudo - assolutamente comprensibile e giustificabile, per chi è costretto ad una vita con ritmi drammatici in questo periodo, ai quali non si possono certo aggiungere ulteriori problemi né di natura economica, né di natura psicologica".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stretto, l'odissea dei medici pendolari: "poche navi, biglietti costosi e sanzioni per chi non rispetta gli orari"

MessinaToday è in caricamento