rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Cronaca

Operazione Predominio, le condanne diventano definitive

In Cassazione dichiarati inammissibili e rigetta i ricorsi di difesa e procura generale. Gli sviluppi giuridici sul gruppo criminale creato da ex collaboratori di giustizia e attivo nel narcotraffico

Diventano definitive le condanne scaturite dall'operazione Predominio, con cui la Dda di Messina ha smantellato due organizzazioni di matrice mafiosa, di cui una con a capo ex collaboratori di giustizia. La Cassazione ha infatti ritenuto inammissibile il ricorso presentato dalla procura generale, ma anche i ricorsi della difesa di tutti gli imputati, condannati al pagamento delle spese processuali quantificati in 3mila euro. Rigettato invece il ricorso di Angelo Arrigo, Giuseppe Cutè, Cosimo Maceli e Pasquale Pietropaolo, chiamati ad onorare le spese processuali. I giudici hanno invece annullato la sentenza per Orazio Bellissima e Antonino Stracuzzi limitatamente alle attenuanti generiche, e ha rinviato per un nuovo giudizio ad altra sezione della Corte d’Appello di Messina.

Il collegio difensivo è stato formato dagli avvocati Salvatore Silvestro, Tonino Aliberti, Giuseppe Abbadessa, Marco Basile, Giuseppe Donato, Valentino Gullino, Ugo Colonna, Maria Carmela Barbera, Fabio Di Santo, Pierfrancesco Broccio, Gaetano Gemelli, Giovanni Caroè e Giuseppe Bonavita.

La sentenza d'Appello

Rideterminata in due anni di reclusione e 4mila euro di multa la pena nei confronti di Alberto Alleruzzo. Sconto di un anno per Angelo Arrigo che dovrà scontare sette anni di reclusione e 20mila euro di multa. Revocate le pene accessorie a Orazio Bellssima, condannato a 3 anni ed euro 4mila di multa. Pene rideterminate anche per Salvatore Bonaffini e Pasquale Pietropaolo che dai rispettivi 14 e 16 anni in primo grado, passano entrambi a 10 anni di reclusione. Nicola Galletta è stato condannato a 15 anni di reclusione, cinque in meno rispetto all'assisse. 

Sette anni per Cosimo Maceli a cui sono state concesse le circostanze attenuanti generiche prevalenti sulle aggravanti contestate. Esclusa la recidiva contestata per Antonino Stracuzzi condannato a 2 anni ed 800 euro di multa. 

Confermata invece la sentenza in rito abbreviato per Giuseppe Selvaggio (3 anni e 16mila euro di multa), Antonino Stracuzzi (2 anni e 800 euro di multa) Marco Galletta (1 anno e 4 mesi e 3mila euro di multa).

L'operazione

Gli uomini della Squadra Mobile nel dicembre 2019 Due distinte organizzazioni criminali, una di matrice mafiosa che faceva capo agli ex collaboratori di giustizia Nicola Galletta, Pasquale Pietropaolo, Salvatore Bonaffini e Gaetano Barbera, e l'altra dedita al narcotraffico, riconducibile a Galletta, Pietropaolo e Bonaffini. Le indagini che hanno consentito di bloccare la riorganizzazione del clan. In manette anche cinque ex pentiti che a Messina, protagonisti della storia criminale della città negli anni Ottanta e Novanta e tornati a delinquere dopo significative parentesi collaborative". "Due distinti sodalizi legati tra loro da strettissimi vincoli di cointeressenza - scrive il gip Tiziana Leanza nell'ordinanza -, in quanto strumentali l'uno all'altro e insieme funzionali alla realizzazione dell'obiettivo unitario di assunzione del controllo del territorio di riferimento".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione Predominio, le condanne diventano definitive

MessinaToday è in caricamento