rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Cronaca

Il Comune non riesce a trasferire i dati digitali entro i tempi previsti e rinuncia al finanziamento da un milione di euro

Il direttore generale Carrubba ha dato mandato di presentare una nuova domanda, nel maggio scorso il programma di Palazzo Zanca era stato ammesso ai fondi

Per evitare di perdere per strada i fondi del piano per la digitalizzazione, innovazione e la sicurezza nella Pubblica Amministrazione il Comune rinuncia al finanziamento di oltre un milione di euro.  Nell'aprile scorso era stato approvato l'avviso pubblico per il programma "Abilitazione al cloud per le Pubbliche Amministrazioni locali" con scadenza 22 luglio scorso: obiettivo di Palazzo Zanca era di migrare i centri di elaborazione dati verso ambienti cloud. Il progetto del Comune era stato ammesso a finanziamento nel maggio 2022.

Tra i requisiti per ottenere i fondi anche che il contratto con il fornitore dev'essere attivato entro 270 giorni dalla data di notifica del decreto di finanziamento e che tutte le migrazioni devono essere completate entro 540 giorni dalla data di attivazione del contratto con il fornitore. L'account manager del dipartimento per la Trasformazione digitale è stato in visita al Comune e a lui è stata rappresentata la possibilità che il finanziamento venga revocato per il mancato rispetto dei tempi di migrazione dei dati. Per questo motivo il direttore generale del Comune Rossana Carrubba ha dato mandato di procedere alla rinuncia del finanziamento e  di inoltrare una nuova domanda di ammissione entro il 13 gennaio 2023. 

Il Comune: "Progetto riproposto dopo accordo con il Ministero"

Sulla vicenda è intervenuta l'amministrazione comunale attraverso un comunicato stampa che riportiamo integralmente. 

In riferimento ad articoli di stampa pubblicati nella giornata di ieri e di oggi si precisa che il comune di Messina non ha rinunciato a nessun finanziamento, ma ha riproposto il progetto secondo nuovi standard concordati con il Ministero in virtù delle nuove linee guida pubblicate in data 17/10/2022. Il Comune di Messina, in data 8/8/2022, è risultato ammesso a finanziamento a valere sul PNRR Missione 1 Componente 1 Investimento 1.2 Abilitazione e facilitazione migrazione al Cloud giusto Decreto n. prot. 28 – 1/2022 – PNRR del 26/05/2022 della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per la trasformazione digitale per il complessivo importo di € 1.031.574,00 presentando una scheda progettuale che prevedeva varie modalità di migrazione di servizi verso il cloud. In data 17.10.2022 il Dipartimento per la trasformazione digitale ha pubblicato le linee guida per i soggetti attuatori che chiariscono univocamente la tipologia di servizi che possono essere migrati verso il Cloud. Tenuto conto delle novità tecniche introdotte dalle predette linee guida, l’Ente, al solo scopo di non incontrare ostacoli in fase di rendicontazione del finanziamento già ottenuto, in accordo con l’account manager inviato dal Dipartimento per la trasformazione digitale per assistere gli enti locali nel processo di attuazione del progetto finanziato ha ritenuto necessario modificarlo per renderlo conforme alle nuove linee guida, che si ribadisce sono state pubblicate in un tempo successivo rispetto alla presentazione della domanda di finanziamento.
Dal punto di vista procedurale, l’unico modo per poter adeguare il progetto è stato quello di rinunciare al finanziamento già ottenuto per contestualmente presentare la nuova istanza con il progetto conforme alle linee guida di cui trattasi, atteso che il bando per l’ammissione al finanziamento è ancora aperto.
Si ribadisce pertanto che l’Ente non ha rinunciato al finanziamento, ma su suggerimento del Dipartimento per la trasformazione digitale, come avvenuto tra l’altro in altri comuni, ha solamente riproposto il progetto.

Articolo aggiornato alle 17.30 del 10 novembre 2022//inserimento precisazione Comune di Messina
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune non riesce a trasferire i dati digitali entro i tempi previsti e rinuncia al finanziamento da un milione di euro

MessinaToday è in caricamento