rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca

Fondi slittati per rimettere in funzione la scuola di Mili San Pietro, polemiche contro la maggioranza

I consiglieri comunali di Ora Sicilia hanno presentato un'interrogazione per ascoltare in aula il dirigente Amato dopo la decisione dell'aprile scorso

L'approvazione in Consiglio comunale della variazione dei fondi in bilancio con lo slittamento dei fondi necessari a rimettere in funzione la scuola di Mili San Pietro (chiusa da anni a causa di un incendio) provoca polemiche. Il gruppo Ora Sicilia ha presentato un'interrogazione contro la decisione della maggioranza: "La proposta dell’amministrazione, votata dalla maggioranza del Consiglio, di una variazione sul bilancio previsionale con slittamento delle somme destinate ai lavori per la scuola di Mili San Pietro agli anni 2023-2024 ha lasciato più di una perplessità. La questione ha radici nei mesi passati: lo scorso 22 aprile, il Consiglio all’epoca in carica, aveva votato e approvato – su proposta dell’ex consigliere Mangano e su modifica degli uffici tecnici comunali – ricorda Ora Sicilia - un emendamento al Bilancio di previsione 2022/2024 per lo stanziamento della somma di 535 mila euro per la ristrutturazione del plesso scolastico della zona sud della città.

Nel verbale della seduta, in più, era presente il parere del dirigente comunale, dott. Amato, che spiegava come tali risorse avrebbero reso il progetto esecutivo dando inizio all’iter per il bando di gara per l’affidamento dei lavori. Oggi, invece, scopriamo dal sindaco Federico Basile che così non è. Nella seduta del 25 luglio, infatti, la giunta ha proposto una variazione di bilancio per lo slittamento di tali somme agli anni 2023 e 2024, col sindaco Basile che giustificava la scelta per l’assenza di un progetto che riguardi la scuola di Mili San Pietro. La mia richiesta, nel corso della seduta, di intervento del dirigente Amato per un chiarimento immediato non è stata accolta per motivazioni legate ai tempi tecnici della stessa. Per questo, allora, il gruppo consiliare di Ora Sicilia ha presentato un’interrogazione urgente all’amministrazione per ottenere un chiarimento reale sulla vicenda. Come è possibile, infatti, che in soli due mesi possano essere presenti due scenari totalmente opposti? - si chiedono i consiglieri - ad aprile l’emendamento era sorretto da un parere positivo dei dirigenti comunali, oggi si scopre che questo progetto non solo non può diventare esecutivo ma neanche sia presente. Urge, allora, un chiarimento definitivo sulla vicenda". 

La variazione in bilancio è passata via liscia in Consiglio con venti voti favorevoli, un solo contrario e cinque astenuti. 

Domani alle 17 il Consiglio Comunale tornerà a riunirsi per proseguire l’attività deliberativa. I lavori d’Aula prevedono in testa la rimodulazione del Piano di riequilibrio. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondi slittati per rimettere in funzione la scuola di Mili San Pietro, polemiche contro la maggioranza

MessinaToday è in caricamento