Didattica a distanza, De Luca ai dirigenti scolastici: “Non lasciate soli i giovani disabili”

Il sindaco ha scritto al governatore e al premier sulla possibilità di garantire le lezioni in presenza agli “studenti speciali”: «Mi aspetto una risposta di civiltà”

Una richiesta al presidente della Regione e al premier Conte per garantire la didattica in presenza a tutti gli studenti disabili degli istituti superiori.

E’ stata avanzata dal sindaco di Messina, Cateno De Luca e anticipata nella diretta facebook in cui il sindaco ha fatto il punto sugli interventi che il Comune vuole mettere in atto per fronteggiare le nuove difficoltà imposte da decreti e ordinanze di chiusura legati all'emergenza epidemiologica.  

Nella nota il sindaco fa riferimento alla disposizione del governatore Musumeci di sospendere l’attività didattica in presenza negli istituti scolastici di istruzione secondaria, mentre il presidente del consiglio dei ministri dispone, con l’ultimo Dpcm, che la didattica digitale integrata dovrà essere effettuata in misura di almeno il 75 per cento delle attività, lasciando maggiore autonomia ai dirigenti scolastici che potrebbero dunque modulare la gestione di orari di ingresso e uscita degli alunni, anche con orari pomeridiani.

Il sindaco, che ha precisato che tutti i servizi di assistenza per gli studenti disabili di città e provincia - circa 350 ragazzi - sono stati già avviati, ha chiesto di non vanificare il lavoro fatto garantendo per tutti loro le lezioni in classe. A tal fine ha adottato un decreto in forza del quale sarà chiesto a tutti i dirigenti scolastici, di organizzarsi nei prossimi giorni, in modo da avere già mercoledì un piano di lavoro che consenta di andare incontro alle esigenze di “questi studenti speciali” e delle loro famiglie.

De Luca ha lanciato un appello ai dirigenti affinchè diano la propria disponibilità a svolgere l’attività formativa in presenza. “Mi aspetto una risposta di civiltà, un atto di umanità”, ha detto De Luca “a prescindere da quella che sarà la risposta di Musumeci, date la vosra disponibilità in modo che questi ragazzi possano continuare in modo serio l’attività formativa, molti di loro non sono in grado di svolgere l’attività didattica a distanza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Non ci sono bombole, malata di Covid rischia la vita: il medico del 118 denuncia tutto ai carabinieri

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento