rotate-mobile
Cronaca

Scuole, dietrofront sul prolungamento dei festivi? Lagalla: "L'orientamento è rientrare in classe"

L'indiscrezione dall’assessorato alla Pubblica istruzione della Regione dove è ancora in corso il tavolo tecnico della task force a cui partecipano oltre Roberto Lagalla, anche l'assessore alla Salute Ruggero Razza. A Messina resta il nodo ordinanza

“L’orientamento è quello di rientrare in classe domani”, questa la lapidaria dichiarazione dall’assessorato alla Pubblica istruzione della Regione dove è ancora in corso il tavolo tecnico della task force a cui partecipano oltre Roberto Lagalla, anche l'assessore alla Salute Ruggero Razza, i dirigenti dell'ufficio scolastico regionale, il rettore dell'università Kore di Enna, Gianni Puglisi, per gli atenei dell'Isola e una rappresentanza degli studenti.

Il rientro dopo le festività era fissato inizialmente per lunedì 10 gennaio. Sabato 8 gennaio, la decisione di rinviare momentaneamente di 3 giorni il riavvio delle attività didattiche. Nei giorni scorsi l'assessore Lagalla ha ipotizzato un ulteriore slittamento per decretare il ritorno in classe per lunedì 17 che invece non si è concretizzato dopo le parole anche del premier Mario Draghi che appena due giorni fa ha dichiarato: "Inutile chiudere le scuole e tenere aperto tutto il resto".

Resta l’anomalia nei comuni in cui i sindaci hanno emanato apposite ordinanze di chiusura. Come a Messina, dove il sindaco Cateno De Luca, ha mantenuto la barra ferma: sarà Dad fino al 23 gennaio se l’ordinanza non verrà impugnata e annullata.

Il Comitato Scuola in presenza ha già annunciato la sua volontà di impugnare l’ordinanza. In ogni caso passerà qualche giorno prima che possa eventualmente essere accolta la richiesta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuole, dietrofront sul prolungamento dei festivi? Lagalla: "L'orientamento è rientrare in classe"

MessinaToday è in caricamento