rotate-mobile
Lunedì, 8 Agosto 2022
Cronaca

Nozze da favola a Taormina ma vanno via senza pagare, assolti Martina Giuffrida di Uomini e donne e l'ex marito

L'albergatore avrebbe dovuto ricorrere in sede civile e non penale: il verdetto della Corte di Appello che ha dichiarato di non doversi procedere per i due ex coniugi. Secondo l'imprenditore Berardinelli era la donna che doveva pagare il secondo festeggiamento

Assolti perchè il fatto non costituisce reato. Ovvero: se ne sono andati senza pagare il banchetto di nozze ma piuttosto che una denuncia di carattere penale avrebbero dovuto dimostrare la responsabilità e chiedere i danni in sede civile. 

Resta per il momento con un pugno di mosche in mano il titolare del prestigioso hotel di Taormina che ha ospitato le nozze di Martina Giuffrida, corteggiatrice di Uomini e donne, e dell'imprenditore Gaetano Berardinelli, che erano "scappati" via senza pagare il conto di 11.075 euro.

A questo punto sarà un giudice civile a stabilire chi dei due dovrà pagare il conto.

Dietro la disputa giudiziaria anche un contenzioso infatti fra i due ex coniugi che si sono lasciati praticamente dopo un paio di giorni dalle nozze.

I patti erano chiari: il banchetto all'Atlantis Bay con i parenti della sposa sarebbe stato a carico dalla donna. Ma qualcosa è andato storto e Martina Giuffrida si sarebbe rifiutata di pagare la propria quota. Dopo il ricevimento nuziale del 14 luglio 2014, lei e l'ormai ex marito, hanno lasciato l'hotel di Taormina senza pagare. Una "fuga" che in primo grado è costata alla donna, difesa dall'avvocato Luigi Giacobbe, una pena a due mesi di reclusione. Adesso annullata dalla Corte d'Appello.

A citare in giudizio i coniugi è stato l'albergatore che li ha denunciati per insolvenza fraudolenta. Anche Berardinelli è stato ora assolto in appello, difeso dall'avvocato Stefania Grisi. L'imprenditore ha espresso soddisfazione per la sentenza e si è lanciato in una citazione latina poi tradotta in siciliano "Recte facendo, neminem timeas" vale a dire "Male non fare e paura non avere".

I due si erano uniti in nozze festeggiando due volte, una volta a Ischia con i parenti dell'uomo e una in Sicilia con i parenti della donna. Secondo l'agente di spettacolo, però, il ricevimento nella Perla dello Jonio doveva essere pagato dalla Giuffrida che, rifiutandosi di assumersi la spesa, ha preferito andare via. 

Oggi la sentenza della Corte d'Appello che mette completamente fine alla vicenda dal punto di vista penale. Occorrerà capire se l'albergatore avrà forza e voglia di procedere in sede civile anche se non si è mai costituito come parte civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nozze da favola a Taormina ma vanno via senza pagare, assolti Martina Giuffrida di Uomini e donne e l'ex marito

MessinaToday è in caricamento