Torrenti come bombe ecologiche: "Discariche che rischiano di finire in mare"

L'allarme lanciato dai consiglieri comunali Cannistrà e Fusco. Le situazioni più drammatiche riguardano i corsi d'acqua di Tono e Santo Stefano. L'invito al sindaco di intervenire

Nonostante l'impegno di Amam e Messina Servizi da una parte e polizia municipale dall'altra, i torrenti cittadini sono ancora utilizzati come discarica dai soliti incivili. Ma in alcune zone i corsi d'acqua sono diventati a tutti gli effetti bombe ecologiche che durante i temporali rischiano di inquinare anche il mare.

A lanciare l'allarme sono i consiglieri comunali Giuseppe Fusco e Cristina Cannistrà. I due esponenti 5 Stelle segnalano soprattutto dei torrenti Tono e Santo Stefano e interrogano il sindaco Cateno De Luca per sapere quali provvedimenti siano stati predisposti per scongiurare conseguenze sulla pubblica incolumità. 

"I torrenti cittadini - commentano - sono una risorsa importantissima per il territorio e l’ecosistema, ma necessitano di una continua manutenzione per mitigare il rischio di alluvioni. Già a maggio del 2020 avevamo appreso della presenza di discariche abusive, e tutt’ora continuano a pervenirci numerose segnalazioni da parte dei cittadini. A determinare lo stato di degrado e sporcizia degli alvei torrentizi è sicuramente il comportamento di qualche incivile che non ha alcun rispetto dell’ambiente e dei beni comuni, ma spetta all’Amministrazione provvedere alla rimozione di eventuali pericoli per la pubblica e e privata incolumità», proseguono, facendo riferimento agli interventi ordinari di pulizia, di messa in sicurezza dei corsi d’acqua e di mitigazione dei rischi idraulici.

Sotto la lente di Fusco e Cannistrà anche l’operato della Messina Servizi Bene Comune, che in base a quanto previsto nel contratto di servizio per la gestione dei rifiuti urbani del Comune di Messina deve procedere alla raccolta e al trasporto dei rifiuti abbandonati giacenti sulle rive: "Ha effettuato la pulizia programmata (due volte l’anno) degli argini dei corsi d’acqua?".

"Gli interventi di pulizia su tutti i torrenti cittadini - concludono - saranno effettuati a seguito delle gare di 4 progetti finanziati con i fondi di Agenda Urbana (7 milioni e 600mila euro), ancora in fase di definizione. A che punto è la tempistica di definizione? I torrenti Tono e Santo Stefano sono stati inseriti nel primo cronoprogamma dei lavori di mitigazione del rischio idraulico finanziati con questi fondi?.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta i rifiuti fuori orario e prende a pugni un vigile urbano: denunciato comandante degli aliscafi

  • L'ospedale Papardo cerca infermieri e operatori sociosanitari, selezioni in corso

  • Positivo al coronavirus ma va in palestra, indagini in corso della polizia municipale

  • Covid, scatta il coprifuoco anche a Messina: l'ordinanza del sindaco in dettaglio

  • Grave incidente in autostrada vicino lo svincolo di Messina centro, due feriti al Policlinico

  • Operazione antidroga nelle acque dello Stretto, fermati due uomini pronti a trasportare 7 chili di marijuana in Sicilia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento