rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Cronaca

Messina zona arancione fino al 26 gennaio insieme ad altri 57 comuni della provincia

Il provvedimento del presidente della Regione entrerà in vigore dal 15 gennaio. Ecco cosa si potrà fare e cosa no

Anche Messina diventa zona arancione. A stabilirlo è una ordinanza del presidente della regione Nello Musumeci,  su proposta del dipartimento regionale Asoe, per contenere i contagi da Coronavirus nei territori coinvolti. Oltre al capoluogo sono 58 i comuni interessati dalla misura di contenimento. Il provvedimento entrerà in vigore da sabato 15 gennaio fino al 26 gennaio. 

Apri le scuole, chiudi le scuole: il rebus sul ritorno in aula fra ricorsi, note della Prefettura e zona arancione

Gli altri comuni sono: Acquedolci, Alì Terme, Capri Leone, Caronia, Castell’Umberto, Castroreale, Cesarò, Falcone, Francavilla di Sicilia, Furci Siculo, Furnari, Gaggi, Giardini Naxos, Gioiosa Marea, Gualtieri Sicaminò, Letojanni, Librizzi, Lipari, Mazzarrà Sant’Andrea, Merì, Milazzo, Militello Rosmarino, Monforte San Giorgio, Montalbano Elicona, Naso, Nizza di Sicilia, Novara di Sicilia, Oliveri, Pace del Mela, Pagliara, Patti, Roccalumera, Roccavaldina, Rodì Milici, Rometta, Santa Lucia del Mela, Savoca, San Filippo del Mela, San Fratello, San Teodoro, Sant’Agata di Militello, Santa Teresa di Riva, Santo Stefano di Camastra, Saponara, Scaletta Zanclea, Sinagra, Spadafora, Taormina, Terme Vigliatore, Torregrotta, Tortorici, Tusa, Venetico e Villafranca Tirrena.

Ordinanza n. 3 del 13 Gennaio 2022-2

Le regole in zona arancione

Come cambiano le regole in zona arancione? L'aumento della pressione sul sistema sanitario comporta qualche restrizione in più per la popolazione, o parte di essa. Fino a qualche mese fa, il passaggio in arancione comportava l'introduzione del coprifuoco dalle 22 alle 5, e cambiamenti per bar e ristoranti che dovevano sospendere il servizio al tavolo e lavorare soltanto con l'asporto. In base alle nuove disposizioni, questo non è più necessario e chi è dotato di super green pass (vaccinato o guarito dal covid) potrà continuare a consumare all'interno di questi locali. Gli altri non potranno invece usufruire di questo servizio né sedersi all'esterno. Si tratta di un divieto previsto anche in zona bianca da lunedì 10 gennaio.

Il Consiglio dei ministri ha deciso che, a partire da quella data, il super green pass sarà obbligatorio anche per i trasporti a lunga percorrenza, fiere e congressi, impianti sci, alberghi, feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose, come i matrimoni. E ancora: servizi di ristorazione anche all'aperto, piscine e centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all'aperto, centri culturali, centri sociali e ricreativi per le attività all'aperto. 

Con le ultime decisioni prese dal governo Draghi, molte differenze tra una zona e l'altra sono scomparse. Inoltre, anche se avverrà il passaggio in zona arancione, le persone vaccinate potranno continuare a godere di alcune libertà. Chi ha il green pass base - ed è quindi vaccinato, guarito dal virus o risultato negativo al tampone - potrà, per esempio, continuare a muoversi anche al di fuori del proprio comune, senza limiti di orario e senza dover giustificare lo spostamento. Chi non è provvisto del certificato dovrà invece tornare ad usare l'autocertificazione e potrà "sconfinare" solo per motivi di lavoro, salute o necessità.

Tra una zona e l'altra cambiano invece le regole per l'accesso ad alcuni negozi. In zona arancione, ad esempio, non basta il certificato base ma serve quello rafforzato per entrare in quelli presenti nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi (eccetto alimentari, edicole, librerie, farmacie e tabacchi). E ci sono novità anche per gli appassionati di sci. In zona arancione, serve infatti il super green pass per acquistare skipass per uso esclusivo di impianti di risalita diversi da funivie, cabinovie e seggiovie qualora utilizzate con chiusura delle cupole paravento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Messina zona arancione fino al 26 gennaio insieme ad altri 57 comuni della provincia

MessinaToday è in caricamento