Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Stretta governo su discoteche, Confcommercio: “Campanello d’allarme non possiamo permetterci nuovo lockdown”

A parlare il presidente di Confcommercio Sicilia Francesco Picarella: "Necessaria una presa d'atto e di responsabilità da parte di tutti"

Dopo la decisione del governo di chiudere le discoteche in seguito al rialzo dei contagi , non manca la reazione di Confcommercio Sicilia :"Non possiamo permetterci un nuovo lockdown, né i cittadini comuni costretti a rivedere le loro vite, ma soprattutto le imprese che rischierebbero la definitiva chiusura, come tantissime altre che non ce l'hanno fatta a riaprire" dichiara il  presidente di Confcommercio Sicilia Francesco Picarella, che aggiunge: "Siamo molto preoccupati per la ripresa dei contagi. E' necessaria una presa d'atto e di responsabilità da parte di tutti all'uso delle mascherine, al rispetto del distanziamento e delle norme anti Covid". 

Coronavirus, il diktat del governo: "Stop alle discoteche"

"La stretta del governo sulle sale da ballo - prosegue Picarella - è un campanello d'allarme preoccupante e per la quale ognuno ha il dovere di porre la massima attenzione. Non solo discoteche e zone di movida e di divertimento, occorre una continua e responsabile azione di sensibilizzazione in tutti quei luoghi a rischio come uffici, mezzi di trasporto e attività in cui è possibile la diffusione del virus sensibilizzando all'uso dei dispositivi di protezione, per scongiurare la riacutizzazione della pandemia", conclude Picarella.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stretta governo su discoteche, Confcommercio: “Campanello d’allarme non possiamo permetterci nuovo lockdown”

MessinaToday è in caricamento