All'ottavo mese di gravidanza in ospedale con vomito e mal di pancia, il medico la manda a casa: bimba morta e 4 dottori indagati

E' accaduto al Papardo lunedì scorso, oggi l'autopsia sul corpicino della piccola. La donna, ricoverata in rianimazione, è uscita dal coma farmacologico

Arriva a mezzanotte al Papardo con mal di pancia e vomito, senza perdite e battito regolare. E’ alla 37esima settimana di gravidanza. Il medico la visita e la rimanda a casa.

La mattina alle 6 torna in ospedale, dopo una notte di passione, con vomito e diarrea. Questa volta il battito del feto, una bambina, non c’era più. Ricoverano la donna e organizzano immediatamente il cesareo e dagli esami verificano la presenza di una influenza batterico virale.

Durante il cesareo una emorragia e complicanze polmonari. La bimba è morta. La donna, alla prima gravidanza, è adesso ricoverata ancora in rianimazione ma è stata estubata ed esce lentamente dal coma farmacologico.

E’ accaduto il 25 novembre al Papardo. Indagati dal pubblico ministero Anna Maria Arena dopo la denuncia della famiglia assistita dall’avvocato Fortunato Strangi, sono quattro medici, tra l’altro di grande esperienza e molto noti a Messina. Si tratta del ginecologo che seguiva la donna e di tre strutturati del Papardo, quelli che erano lì la notte e che sono intervenuti poi anche per il cesareo. I medici sono assistiti dagli avvocati Aurora Notarianni, Carlo Autru Ryolo, Rina Frisenda e Carmelo Picciotto.

Oggi, l’autopsia nel corpicino della bimba che sarà eseguita dal medico legale Giovanni Andò e la ginecologa Claudia Giuffrida. Si cercherà di stabilire le cause dell’evento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vista la complessità del quesito, non potendo dare risposta immediata, i consulenti hanno chiesto 90 giorni di tempo e di potersi avvalere anche di tecnico di sala settoria e di effettuare rilievi fotografici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Atti sessuali con una minore, noto istruttore di ginnastica artistica agli arresti

  • Blatte e scarafaggi tra panna e babà, chiusi una nota pasticceria e un laboratorio abusivo

  • Carabiniere messinese vince causa contro l'Inps, dovranno ricalcolare la pensione

  • Covid, l'ex tronista Munafò denuncia troppa superficialità a Milazzo: “Non toccate mio figlio”

  • Coronavirus: un nuovo contagiato in Sicilia, sono 130 gli attuali positivi

  • Incidente stradale a Giardini Naxos, perde la vita a 19 anni

Torna su
MessinaToday è in caricamento