Politica

Aggressione dipendente Urbanistica, la solidarietà di De Luca e la risposta ai sindacati: "Cosa si fa pur di attaccarmi"

Il primo cittadino declina ogni responsabilità dell'accaduto, e attacca: "Stanno cercando di speculare sull’accaduto per mantenere le loro deleghe".

Che l'aggressione al dipendente dell'urbanistica sia responsabilità di Cateno De Luca il sindaco lo respinge nettamente, restituendo al mittente l'accusa. L'assonanza nasce dopo la diretta sui social di alcuni giorni fa del "blitz" del primo cittadino negli uffici di un dirigente comunale. Episodio che non è passato inosservato. In tanti, infatti, hanno puntato il dito contro il primo cittadino, accusandolo non soltanto di aver esposto al pubblico ludribio i dipendenti comunali, ma di aver anche innescato un clima di sospetto e di violenza in tutti gli uffici pubblici. 

"Oggi un diligente e competente funzionario comunale è stato violentemente e vigliaccamente aggredito nel suo ufficio da un sedicente imprenditore di Rometta, che intendeva realizzare un nuovo lido nella zona sud di Messina. Questo soggetto, dopo essersi introdotto clandestinamente negli uffici dell’urbanistica, ha atteso il dipendente comunale per sferragli una violenta testata al volto, che gli ha provocato lesioni gravi", scrive in una nota De Luca. 

"Non c’è motivo o giustificazione alcuna per un fatto così ripugnante che va deprecato e stigmatizzato con forza. A ciò si aggiunga che l’esito della pratica sollecitata dall’aggressore era in attesa di un pronunciamento del Demanio Marittimo, avendo fatto gli uffici comunali tutto ciò che era nelle loro competenze. Esprimo tutta la mia solidarietà al dipendente ferito, in maniera veramente sentita, così come la gratitudine verso chi negli uffici comunali lavora mettendo anche a rischio la propria incolumità", ha aggiunto. 

Tuttavia il sindaco non si è fermato alla replica ma è andato oltre, scagliandosi questa volta con il segretario generale della Fp Cgil Francesco Fucile. "Capisco che la vigliaccheria possa generare vigliaccheria, ma dire che certi comportamenti delittuosi e violenti possano essere “legittimati” dalle opinioni espresse da un Sindaco ha dell’incredibile! Pur di attaccarmi, questo signore arriva anche a giustificare un grave episodio di violenza commesso ai danni di un pubblico ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni! E poi sarei io l’istigatore alla violenza?", aggiunge De Luca. 

"Stendiamo un velo pietoso nei confronti di un soggetto che per ristrutturare la propria dimora per le vacanze estive sulla splendida isola di Salina ha usato l’elicottero in violazione del regolamento della riserva naturale. E’ pure vero che anche altri sindacalisti stanno cercando di speculare sull’accaduto per mantenere le loro deleghe sindacali, ovvero il loro pane, ma senza spingersi fino all’apologia di reato come ha fatto Fucile evidentemente perché sono a conoscenza delle sue magagne malcelate", scrive ancora. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione dipendente Urbanistica, la solidarietà di De Luca e la risposta ai sindacati: "Cosa si fa pur di attaccarmi"

MessinaToday è in caricamento