Dirigenti comunali, le somme da restituire salgono da 400mila a 800mila euro

Il sindaco De Luca dopo gli ultimi controlli della segreteria generale torna sui rimborsi delle indennità che gli Alti funzionari di Palazzo Zanca dovranno rimborsare. Le cifre cambiano

Il caso era già stato trattato a metà ottobre. Si parlava allora di una restituzione di 400mila euro dalle indennità di risultato anche dei dirigenti andati in pensione. 

I dirigenti dovranno rimborsare le indennità al Comune 

Il sindaco Cateno De Luca torna sulle indennità pregresse riscosse dai dirigenti comunali. "Da un’indagine istruttoria sulla quantificazione dei fondi per il trattamento accessorio della dirigenza per le annualità 2010-2019 è emerso un quadro allarmante: errori di calcolo dovuti ad una non corretta applicazione della normativa in materia, che hanno comportato una quantificazione in eccesso dei fondi in questione per un importo complessivo di 4.135.808,61 euro, sembra una barzelletta ma non lo è - continua De Luca - il 15 luglio del 2019 abbiamo approvato una relazione del segretario generale riguardante tutte le somme che dal 2010 in poi, i dirigenti del comune di Messina hanno percepito in più, illegittimamente direi. Un dirigente costa mediamente 150 mila euro l’anno lorde. In queste somme c’è una parte chiamata salario accessorio, composto dall’indennità di posizione e quella di risultato. La prima delibera che mi sono trovato sul tavolo all’indomani del mio insediamento, era l’approvazione di tutte le performance dal 2010 in poi, di tutti i dirigenti. Ovviamente ho restituito al mittente tale delibera perché sentivo puzza di bruciato. Meno male. Sapete cosa è emerso? Che l’indennità di risultato non poteva essere erogata. Parliamo di oltre 3 milioni di euro. Ci siamo detti: cari dirigenti queste somme non vi toccano.

Guardando il cosiddetto fondo dei dirigenti – continua De Luca – dove sono allocate queste risorse, abbiamo appurato che i conti non tornavano. Allora ho chiesto al segretario generale di continuare l’approfondimento. Il risultato è che non solo l’indennità di risultato non può e non sarà liquidata ma anche l’indennità di posizione è stata calcolata in modo sbagliato. Dalla relazione che ieri il segretario generale mi ha consegnato, si evince che le risorse non dovute, dal 2010 al 2019 ammontano dunque a 4.135.808,61. Di questi, con la delibera di luglio già abbiamo bloccato la somma di 3.352.699,03 euro. A conti fatti significa che indebitamente sono stati percepiti circa 800 mila euro”. “È ovvio – conclude De Luca – che adesso darò mandato agli uffici a recuperare tali somme. Si tenga conto che il fondo dei dirigenti si è ridotto grazie alla loro rottamazione e la conseguente riduzione dei dipartimenti. Ciò significa che magari qualche dirigente potrebbe rifiutarsi di mettere il parere tecnico su questa delibera? Vi aspetto al varco. “Negli uffici comunali da ora si lavora e quindi adesso prepareremo la delibera e poi pretendo il parere tecnico e contabile. Se qualche dirigente si rifiuterà, risponderà di omissione. Qua c’era un danno erariale enorme; noi lo abbiamo ridotto ma vi assicuro, ciò che è stato indebitamente percepito sarà restituito fino al centesimo. Se la città è in queste condizioni è anche colpa di certi dirigenti comunali. A quelli che invece stanno collaborando, a nome della città dico grazie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scompare all'uscita di scuola, ore di ansia per un 13enne

  • Ritrovato dopo sei ore il 13enne scomparso

  • Tragedia a Minissale, donna muore in strada per un malore

  • Incidente stradale davanti al tribunale, avvocato travolto sulle strisce pedonali

  • Arsenale della 'ndrangheta nei fondali, maxi ritrovamento dei carabinieri subacquei di Messina

  • Operazione Nebrodi, così l'elenco di tutti gli arrestati e delle ditte sequestrate

Torna su
MessinaToday è in caricamento