Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica Duomo / piazza Unione Europea

Collegio sindacale della Patrimonio Spa, i magistrati contabili selezionati come gli altri

Dopo la nomina a presidente di Pino Zingale la maggioranza del Consiglio respinge la proposta del sindaco De Luca di modificare i criteri dando una corsia preferenziale ai giudici dei Conti. Soddisfatti i Cinquestelle

I magistrati contabili non avranno preferenze per la nomina nel collegio sindacale della Patrimonio Spa, la società comunale incaricata di gestire il patrimonio immobiliare pubblico. E' stata bocciata dalla maggioranza del Consiglio comunale la proposta del sindaco De Luca di modificare i requisiti per la selezione.

E' quanto evidenziano i consiglieri Cinquestelle. «In sostanza - spiega il consigliere comunale Giuseppe Fusco - dopo avere nominato lo scorso luglio il magistrato della Corte dei Conti Pino Zingale quale Presidente del Collegio Sindacale della società, il primo cittadino pretendeva che venisse modificato il criterio di selezione previsto dallo Statuto, inserendo una preferenza nella nomina per i magistrati contabili. La proposta è stata rigettata per motivi sia tecnici che politici: in merito ai primi, esiste una normativa che vieta ai magistrati contabili di essere nominati componenti dei collegio dei revisori o del collegio sindacale delle società partecipate; dal punto di vista politico, invece, ritengo del tutto inopportuno che un ruolo così importante sia affidato a un presidente che presta servizio in Trentino Alto Adige, a 1300 km di distanza da Messina. In seguito a un' “accesa” discussione in Aula, che si è protratta fino a tarda notte, il Consiglio ha deciso quindi di bocciare la proposta". La maggioranza del Consiglio ha anche respinto la delibera del Pd di revocare la Patrimonio Spa per incompatibilità giuridiche

"Anche i bambini disabili di Messina avranno presto degli spazi in cui giocare, oltre ad aree attrattive e sicure per tutte le famiglie». Così Andrea Argento e Cristina Cannistrà commentano l’approvazione In Aula della mozione sui “Parchi inclusivi” presentata dal gruppo consiliare del M5s, che prevede di rendere alcune delle ville e dei giardini della città accessibili a chiunque, garantendo così a tutti i bambini messinesi gli stessi diritti, senza alcuna discriminazione di sorta, come stabilito dalla convenzione sui diritti dell’infanzia. Passa inoltre in Consiglio la mozione sulla "mobilità sostenibile”, presentata da Fusco, che prevede invece la possibilità di autorizzare la circolazione dei dispositivi per la micro mobilità elettrica (segway, hoverboard e monopattini) nei tratti stradali previsti: «Una misura idonea a contenere la congestione del traffico e l'inquinamento, in ogni sua forma".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Collegio sindacale della Patrimonio Spa, i magistrati contabili selezionati come gli altri

MessinaToday è in caricamento