menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiusura negozi e asporto, l'appello di 19 consiglieri a De Luca: "Modificare gli orari"

Più della metà dell'aula invoca correttivi all'ordinanza sindacale anti-coronavirus. Al centro della mozione anche gli ordini professionali, proposto coprifuoco notturno nelle zone del centro e più controlli in strada

Consiglio comunale compatto nel chiedere sostanziali modifiche all'ordinanza con cui il sindaco De Luca ha posto un freno alle attività commerciali e professionali della città. Sono 19 i consiglieri, di ogni schieramento politico, ad aver firmato la mozione che mira a far tornare sui suoi passi il primo cittadino anche dopo le recenti polemiche.

Attività commerciali e studi professionali

La prima richiesta riguarda la modifica dell'orario di chiusura dei negozi. I firmatari vogliono posticiparla alle 19.30 con mezz'ora di tolleranza. Da rivedere anche l'asporto di prodotti alimentari: dalle 19 nei giorni feriali e fino alle 22.00, così come già nei giorni festivi. Chiesti correttivi anche per le attività degli ordini professionali con l'eliminazione del divieto di ricevere clienti dopo le 19.

Viabilità

I 19 consiglieri spostano poi l'attenzione sull'istituzione di zone interdette al traffico nelle vie del centro. In particolare il provvedimento riguarderebbe, dalle 19.30 alle 5, piazza Duomo, piazza Antonello, piazza Unione Europea; piazza Lo Sardo, piazza Castronovo e piazza San Vincenzo. Resterebbe possibile l'accesso pedonale mentre i residenti potranno circolare liberamente così come chi è motivato da lavoro o necessità urgenti. 

Ordine pubblico

Secondo la mozione, il controllo anti-assembramento spetterebbe agli ausiliari del traffico fin qui esenti dal servizio di controllo delle Zt, attualmente abrogate. I 19 consiglieri chiedono inoltre una presenza maggiore della polizia municipale a presidio dei punti sensibili e più trafficati. 

Tavolo permanente

Chiesta anche l’istituzione immediata di un tavolo permanente di crisi a cui prenderebbe parte la giunta De Luca e il consiglio comunale stesso Sindaco-Consiglio comunale con incontri a cadenza almeno settimanale.

 I firmatari

Antonella Russo, Gaetano Gennaro, Felice Calabrò e Alessandro Russo (Pd) 

Andrea Argento, Cristina Cannistrà, Giuseppe Fusco, Paolo Mangano e Giuseppe Schepis (M5s)

Giandomenico La Fauci e Francesco Pagano (Ora Messina)

Giovanni Caruso, Giovanni Scavello, Placido Bramanti (Lega)

Benedetto Vaccarino e Salvatore Sorbello (Ora Sicilia)

Daria Rotolo, Nino Interdonato, Pietro La Tona (Sicilia Futura).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento