Politica

Europee tra sacro e profano, Forza Italia e il Patto della Madonnina

Il sindaco Cateno De Luca, dopo le accuse dei giorni scorsi, fa pace con Gianfranco Miccichè e i due stipulano l'accordo sulle elezioni di domenica e sulla candidatura del dopo Musumeci. Un'intesa nata tra le luci degli yacht e lo sguardo della Vergine

Lo hanno chiamato il Patto della Madonnina. Al Marina di Nettuno, sotto gli occhi della Vergine e le luci degli yacht, Cateno De Luca firma il "contratto" con l'azionista di maggioranza in Sicilia di Forza Italia. Gianfranco Miccichè ha dato la sua parola alla convention di Sicilia Futura dell'ex deputato Beppe Picciolo che oggi indossa una nuova divisa di appartenenza. Miccichè ha detto sì in nome e per conto di Forza Italia alla candidatura di De Luca alla futura presidenza della Regione in quota centrodestra. Il do ut des è che domenica i candidati Dafne Musolino e Giuseppe Milazzo si dovranno sostenere a vicenda. E pensare che nei giorni scorsi De Luca ci aveva dato sotto contro Miccichè, tutto l'opposto oggi.

De Luca crede nel Patto che porta il nome della Madonna della Lettera e anche in questa tornata elettorale (ma per la prima volta da primo cittadino del capoluogo ) sta inondando le buche postali dei messinesi con le missive di invito al voto per la Musolino. "Messina sarà sempre più protagonista e non più subalterna a Catania e Palermo" - dice De Luca per convincere anche i più critici. Messina protagonista di cosa? Il sindaco sostiene che da lunedì Messina avrà più potere sull'assegnazione del prossimo ciclo di fondi europei, sulle future candidature alle elezioni Politiche se il governo Lega-Cinquestelle cadrà nei prossimi mesi, sul peso della città metropolitana nel governo Musumeci che si avvia a metà mandato. C'è un però. Che passa dalle Europee 2019 e dai risultati dell'assessore Musolino che da più di un mese sta ispezionando ogni angolo di Sicilia accanto a De Luca in campagna elettorale permanente.

Se la Musolino sarà eletta o conteggerà grandi numeri l'ambizioso sogno di De Luca non sarà interrotto bruscamente. Se nella notte tra il 26 e 27 maggio sarà un flop il dato messinese di Forza Italia del Patto al Marina non se ne farà più nulla. De Luca pregherà molto prima che sia domenica confidando nella protezione della Madonnina. E nella lealtà di Micciché.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Europee tra sacro e profano, Forza Italia e il Patto della Madonnina

MessinaToday è in caricamento